Home Page

Tra una tale varietà di messaggi provenienti da diversi luoghi del festival, è il momento di dividere il successo del debutto del film di Greta nel ruolo di regista – “La Città Ideale” – il premier pochi giorni fa, è stato uno degli eventi del festival. Dopo due giorni, e gli appassionati di vedere, e saranno in grado di confrontare le esperienze, ma quello che vediamo nel film è più che sufficiente – almeno dal punto di vista. La giovane attrice dimostra come instancabilmente camaleonte in grado di entrare in diversi personaggi nel corso dell’anno, ed è un vero piacere aspettare il prossimo film con lei.

Una cosa è innegabile – ognuno ha un carattere molto forte …! Lavoro personale interpretazione eterno complesso, imprevedibile rapporto tra madre e figlia, che con l’interno sconsiderato ostinazione giovanili anni – non è chiaro cosa vuole da se stesso e della vita. Ecco allora che il debutto del regista:

Quando ho scritto la sceneggiatura di “La Citta Ideale”

Vorrei fare questo, come in un caleidoscopio. Penso che la più grande tragedia è che fin dall’infanzia cominciamo ad apprezzare questo momento, che ormai non esiste più; non possiamo usare i doni che abbiamo, perché noi non li capiamo, finché non perdere … il video è già dire che l’attrice si scopre il talento di grave regia del lavoro sulle relazioni familiari dramma, la commedia, il risultato è davvero ispira il film.

La storia di “La Citta Ideale” è una sorta di ritratto di giovane donna con le abilità artistiche e aspirazioni, che è costretto a difendere in ombra categorico madre con un grande cuore e cercando di trovare un modo per evitare la sua città natale Sacramento, non è così lontano 2002.

In questo film, dedicato alla crescita, a strati con diversi stati d’animo in questa vita e la realtà che formano il quadro generale di questo film meraviglioso, pieno d’amore è emozionali e comiche parti sono invertite, in particolare interazione dinamica. Si terrà nel ruolo di un uomo nella sua vita “La Citta Ideale”.

Affascinante con gli occhi azzurri del ragazzo che è cresciuto negli occhi per un paio di generazioni nel ruolo potrebbe essere favoloso l’immagine più famosi bambini nel corso degli ultimi 20 anni, continuano a ricevere chiamate. Daniel dimostra che ruolo c’è solo il vuoto della maschera, finché non è arrivato l’attore, che non ha paura di “opinione pubblica” non tremano al solo pensiero che poteva diventare ridicolo o patetico agli occhi degli altri e vogliono provare tutto.

L’errore più grande di ogni viaggiatore la fiducia di persone inadeguate!

Indipendentemente dalla parte del mondo, di “esperti” locali di costumi e di abitudini, che tengono nelle loro mani, perché ogni “principiante” sul loro territorio, non avete idea di dove sono, in che modo comportarsi, – e dipende completamente dalla loro buona volontà. Se ne hanno uno.

“Abbiamo usato in film di grande attività, i dettagli di esagerato, tutto sembra essere” più che vita “. Beh, in questo film sembra seguire, perché è molto più modestamente presentato in confronto con quello che è successo in realtà … “

Ha uno zaino sulla schiena, e grande entusiasmo per il viaggio. Insieme con l’insegnante di Svizzera Marcus Stam, il fotografo americano Kevin Gail marcia di tempo in boliwijskim a La Paz in un’avventura della sua vita. In un giungla amazzonica assunto per lo svolgimento di un immigrato austriaco di nome Carl Ruprehter con gli amici, che ho conosciuto solo il giorno prima e che dice che conosce questa regione. Ma in questo sogno, in un percorso, il loro viaggio si trasforma rapidamente in un selvaggio un incubo da cui non tutti possono svegliarsi e tornare nel mondo dei vivi …

All’evento che è accaduto a quest’uomo, che è scomparso nella giungla e per qualche casualità sopravvissuto dopo tre settimane. Le foto sono davvero dura prova – e per la squadra e per me. Ma, nonostante l’alta tensione è stata molto divertente.